Dimagrimento last-minute? No grazie!!!

Prova Bikini costume

Tempo d’estate e tempo di diete last minute. Come se si potesse davvero recuperare in breve tempo mesi di pigrizia e stravizi alimentari. La colpa è tutta di un sistema che ce lo fa credere, a partire dai magazine che già dall’inizio della primavera sono pieni di diete per prepararsi alla famigerata «prova costume».

Prova Bikini costume

Con l’arrivo del caldo, infatti, un italiano su due è a dieta, ma nel 90 % dei casi si sceglie di seguire una dieta “last minute”, drastica per perdere subito i chili in eccesso e poi, una volta ottenuto l’obiettivo prefisso, continuare con una cosiddetta dieta di mantenimento (che per molti diventa molto difficile, se non impossibile).

Se da un lato, la dieta last minute assicura una perdita di peso rapida, dall’altra comporta il così detto effetto “yo-yo” perché molto spesso alla perdita dei chili di troppo non è abbinata una corretta attività fisica  il che significa perdita di chili si….ma chili di massa magra e non di massa grassa.  Questo comporta un cambiamento in negativo della composizione corporea, con una diminuzione della massa muscolare e un valore costante di massa grassa. Studi eseguiti sui ratti hanno dimostrato come l’effetto “yo-yo” sia stato più efficiente nel guadagno di peso che nella perdita dello stesso.

effetto yoyo

Gli studi dimostrano che l’intervento più efficace è quello che aiuta ad adottare comportamenti alimentari e di vita salutari e stabili nel tempo e si basa su strategie di sostegno al cambiamento.

Spesso invece accade che si vuol perdere peso in poco tempo e per un periodo limitato alla prova costume o al vestito da cerimonia.

E così niente pasta, niente pane, niente frutta e niente condimenti, tanta carne, tantissima verdura e litri di acqua per riempire lo stomaco borbottante.

Quali risultati ne deriveranno?

I primi due giorni la diuresi aumenta a dismisura ottenendo un momentaneo sgonfiore ma  già dal secondo giorno il miracolo diuretico si dimezza e poi si blocca.

La pancia che al primo giorno sembrava appiattirsi, inizia a gonfiarsi come un palloncino e fa anche male, per le coliche che derivano dall’eccesso di fibra vegetale.

Il primo giorno la nemica bilancia ci dà grandi gioie per via della perdita di liquidi, che corrispondono anche a un chilo e mezzo di peso corporeo.

Poi tutto si ridimensiona a pochi grammi, quindi al terzo-quarto giorno si può addirittura riavere un lieve rialzo di peso, con conseguente sindrome depressiva aggravata perché i chili non si muoveranno più.

Il corpo ha bisogno di un calo graduale di peso, non con una dieta stretta dell’ultimo minuto ma con una dieta equilibrata

Il primo mito da sfatare è quello di eliminare completamente dei cibi. Non è infatti vero che snacks dolci e salati, bibite, o aperitivi debbano totalmente scomparire dalle nostre diete. L’ importante è saperli gestire con criterio, controllandone frequenze e quantità, sapendoli inserire in modo corretto nella propria alimentazione e sapendo scegliere alternative altrettanto gradevoli e soddisfacenti.

La raccomandazione è niente “fai da te”: se si decide di intraprendere un percorso di dimagrimento occorre affidarsi a specialisti qualificati. Fondamentale, infatti, è l’aiuto degli esperti per comprendere e rimuovere le reali cause dell’aumento del peso, che non sono generalizzabili e uguali per tutti.

10 consigli per un’alimentazione utile e bilanciata:

1)Non saltare mai i pasti, a partire dalla colazione

2)Fare 5 pasti al giorno, preferendo la frutta nello spuntino mattutino e pomeridiano.

3)Fare un’alimentazione dissociata preferendo cereali integrali a pranzo e proteine a cena

4)Consumare almeno 2 porzioni di frutta al giorno

5)Consumare 2 porzioni di verdura al giorno, cruda e cotta

6)Consumare almeno 2-3 volte a settimana i legumi

7)Limitare la frequenza dei formaggi a 2-3 volte a settimana

8)Consumare il pesce almeno 2 volte a settimana

9)Preferire i condimenti vegetali ai primi piatti (pomodoro, zucchine, melanzane, broccoletti, ecc.), limitare i sughi più ricchi

10)Bere almeno 1,5 – 2 litri di acqua al giorno

Un consiglio agli amanti del last-minute: OK per i viaggi last minute, NO per la dieta last minute.

]]>

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*